documentary platform

Exhibition
Little Big Press

We will partecipate with “Visions and Documents” at Little Big Press, curated by 3/3.
Fotoleggendo

9 october – 13 november 2010
opening october, 9
h. 8.30 pm

Officine Fotografiche
Via Libetta 1, Roma.

3 / 3
The Little big press show was created to take stock of the trends that are changing radically in recent years the world of photography.
A vitality increasingly moves the evolution of the photographic book in a independent direction, self-produced, self-publishing photo books,
fanzines and small publishing houses are increasingly active and prolific in the world.
Enthusiasts Photograps publishing, by Alec Soth, with his Little Brown Mushroom Jason Fulford, brilliant founder of J & L, to Stephen Gill,
with Nobody Books, decided to work independently on photo books and drain through small publishers, self-productions that run parallel
to the production of the major publishing houses. Engage in experiments involving the video, like the Germans Bohm Kobayashi,
moving from the collective experiences on the web, as the Italian fanzine 0-100, or carry out self-produced by the different facets,
as in the case of Joachim Schmidt or Luca Donnini.
A freedom that allows research in materials, composition, print quality and peculiarities of the preparations.
A constructive approach and experimental work that represents the most exciting and stimulating side of contemporary book photography

La mostra Little big press nasce per fare il punto sulle tendenze che da qualche anno stanno mutando radicalmente il mondo dell’editoria fotografica.
Una vitalità sempre maggiore muove l’evoluzione del libro fotografico in una direzione indipendente, autoprodotta e ridotta nella scala:
self publishing e indipendent photobook, fanzine e piccole case editrici sono sempre più attive e prolifiche in tutto il mondo.
Fotografi appassionati di editoria, da Alec Soth, con la sua Little Brown Mushroom a Jason Fulford, geniale fondatore di J&L, a Stephen Gill,
con Nobody Books, decidono di lavorare indipendentemente sui libri fotografici e far uscire, attraverso piccole case editrici, autoproduzioni che
corrono parallele alla produzione delle case editrici più importanti. Si dedicano a esperimenti che coinvolgono il video, come i tedeschi Bohm Kobayashi,
si muovono da esperienze collettive sul web, come la fanzine italiana 0-100, o portano avanti autoproduzioni dalle diverse sfaccettature, come nel caso
di Joachim Schmidt o Luca Donnini.
Una libertà che consente ricerche nei materiali, nella composizione, nella qualità di stampa e peculiarità degli allestimenti.
Un approccio costruttivo e sperimentale che rappresenta l’aspetto più interessante e stimolante del libro fotografico contemporaneo.